Trump ha firmato la legge che rende la crudeltà verso gli animali un crimine federale

5dde5b62a8af9732816229 1024x537 - Trump ha firmato la legge che rende la crudeltà verso gli animali un crimine federale
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on pinterest
Pinterest

Sommario

Un disegno di legge bipartisan che trasforma la crudeltà verso gli animali in un crimine federale ha superato il voto del Congresso statunitense e il presidente Trump ne ha messo la firma.

Il “Prevent Animal Cruelty and Torture (Pact) Act” è una legge federale che combatte e punisce gli atti di crudeltà verso gli animali, vietando di schiacciare intenzionalmente, di bruciare, annegare, soffocare impalare o altre violenze che causano gravi lesioni fisiche agli animali. Le persone ritenute colpevoli verranno condannate con l’accusa di reati federali, con pesanti multe e fino a sette anni di carcere.

«La maggior parte della gente è scioccata nel scoprire che gli Stati Uniti non hanno una legge federale contro la crudeltà verso gli animali» ha dichiarato Holly Gann, direttore della Animal Wellness Foundation, in un comunicato stampa di ottobre.

Screenshot 50 - Trump ha firmato la legge che rende la crudeltà verso gli animali un crimine federale

Il Pact – promosso dal repubblicano Ted Deutch e il democratico Vern Buchanan – è nato per colmare una lacuna della legge del 2010 – nell’Animal Crush Video Prohibition Act – , che punisce solo gli abusi mostrati nei video. In particolare questa è nata spinta dall’onda di indignazione legata al “Fetish crush”, un pratica perversa che prevede che una donna calpesti con la scarpa piccole creature.

«La tortura di animali innocenti è ripugnante e dovrebbe essere punita nella misura massima consentita dalla legge – ha dichiarato Buchanan prima della cerimonia della firma del presidente Trump – . Firmare questa legge in legge è una pietra miliare e significativa per i proprietari di animali domestici e gli amanti degli animali in tutto il Paese».

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on pinterest
Pinterest

Potrebbero interessarti anche

Lascia un commento