Il cane era stato abbandonato in una gabbia insieme alla sua copertina, ai suoi giocatoli e a un biglietto. Quando l’ho letto, ho capito tutto e ho cominciato a piangere. L’avevano abbandonato per amore

Il cane era stato abbandonato in una gabbia insieme alla sua copertina, ai suoi giocatoli e a un biglietto.
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on pinterest
Pinterest

Sommario

La storia che vogliamo raccontarvi ci ha toccato profondamente. Ve la vogliamo raccontare chiedendovi di leggerla tutta, fino alla fine, prima di giudicare…

Tutto è cominciato in una mattinata di agosto. Siamo a Harwinton, Ct, nelle vicinanze del Litchfield Hills Veterinary Animal Hospital. Su uno dei vialetti del parco, i passanti hanno notato che all’ombra di un albero c’era una gabbia con, al suo interno, un pitbull.

Accanto all’animale c’erano i suoi giochi e la sua copertina. Hanno pensato all’ennesimo abbandono e hanno chiamato le forze dell’ordine.

fatty1 - Il cane era stato abbandonato in una gabbia insieme alla sua copertina, ai suoi giocatoli e a un biglietto. Quando l’ho letto, ho capito tutto e ho cominciato a piangere. L’avevano abbandonato per amore

Gli agenti arrivati sul posto hanno trovato un biglietto che spiegava quel gesto… cercheremo di riportarvi qui sotto quello che c’era scritto in quel biglietto:

“Il mio nome è Fatty McFat. Sono aggressivo solo perché ho tanta paura. I miei umani mi amano tanto. Sono la loro vita! Sono finiti in strada e uno di loro è gravemente malato e non possono più occuparsi di me. Vi prego, non li giudicate”

Hanno provato a trovarmi una casa ma a nessuno importava di me. Si sono rivolti anche al veterinario ma nemmeno lui li ha aiutati. Hanno chiamato la polizia, il canile… ma nemmeno a loro importava di me. So che i miei umani mi amano perché si occupano di me da quando ero piccolino. Mi hanno tenuto al sicuro, mi hanno dato da mangiare e mi hanno riempito di coccole. Ma hanno capito che vivere all’interno di una macchina con loro, come abbiamo fatto in questi ultimi 2 mesi, non era la vita giusta per me. La mia mamma piange tutti i giorni perche mi ama e le dispiace farmi vivere così.

Sono molto protettivo nei loro confronti e mordo chiunque si avvicini a loro perché credo che si tratti di una minaccia. I miei umani hanno perso la casa perché io ho morso il proprietario del palazzo.

Tutto quello che mamma e papà vogliono per me è l’opportunità di essere trattato con amore e di avere una vita dignitosa. I miei umani hanno il cuore spezzato e non hanno trovato un’altra soluzione. Nessuno ha voluto aiutarli.”

Fatty McFat è stato accolto dai volontari di The Simon Foundation. Dopo pochi giorni qualcuno ha riconosciuto il cane e sono stati trovati i proprietari. Ogni riga scritta su quel biglietto era vera. I proprietari del cane si erano rivolti a più di 50 rifugi della zona e nessuno li ha voluti aiutare, anche perché, per lasciare il cane in uno di questi rifugi avrebbero dovuto pagare una tassa, soldi che i due non avevano.

fatty2 692x1024 - Il cane era stato abbandonato in una gabbia insieme alla sua copertina, ai suoi giocatoli e a un biglietto. Quando l’ho letto, ho capito tutto e ho cominciato a piangere. L’avevano abbandonato per amore

Ecco perché sono stati costretti a fare questo gesto estremo. Ma le cose hanno preso una piega diversa. I volontari di The Simon Foundation hanno detto loro che si occuperanno loro di Fatty McFat fino a quando i suoi proprietari non riusciranno a risolvere i loro problemi. E, nel rifugio, Fatty è stato anche sterilizzato e seguito da un educatore cinofilo che gli ha insegnato ad essere meno agressivo e ad avere più fiducia negli umani.

E, pochi giorni fa, la buona notizia: la mamma di Fatty ha anche trovato un lavoro e, tra pochi giorni, sarà in grado di occuparsi di nuovo del cucciolo… e andrà a riprenderselo nel rifugio…

Fonte: ilmiocanebau

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on pinterest
Pinterest

Potrebbero interessarti anche

Lascia un commento