Questa donna è un veterinario che ha avvelenato intenzionalmente il suo cane. E la cosa più grave è stata la motivazione assurda che ha fornito!

Ogni giorno si legge qualcosa di nuovo. Sembra che certi esseri umani vivano per trovare modi nuovi per sottoporre gli animali indifesi ad abusi a cui non possono sottrarsi. Gli articoli di questo settore sono sempre tanti ma, purtroppo, hanno sempre il modo di sconvolgere per la loro brutalità.

La cosa più allucinante è che, spesso, chi procura dolore e maltrattamenti agli animali sono proprio le persone che dovrebbero amarli e proteggerli: i loro proprietari!

Credere che la persona che ha deciso di vivere con un animale, si trasformi nel suo aguzzino è doloroso, ma lo è ancora di più quando, a procurare del dolore, è un veterinario!

la veterinaria Georgina Bretman

Il fatto è avvenuto a Giffnock, nel Regno Unito.
Una veterinaria è stata rimossa dal suo incarico perché si è scoperto che feriva e maltrattava intenzionalmente il suo cagnolino! Si tratta di un piccolo cocker spaniel di due anni che si chiama Florence.

Questo cane è stato portato più volte al pronto soccorso in preda alle convulsioni e ai collassi. Fortunatamente sono riusciti a riprenderlo sempre in tempo poiché ogni volta ha rischiato la morte. Un operatore del centro veterinario, Lesley Herd, si è fatto venire un forte dubbio e ha contattato il personale del pronto soccorso per metterli al corrente dei suoi pensieri.

Lui era convinto che a far star male il cagnolino fosse la sua proprietaria (nonché amante di Lesley), la veterinaria Georgina Bretman.

Dopo i dovuti accertamenti, la donna è stata immediatamente sospesa dal suo incarico ed è stata inviata a giudizio per maltrattamento intenzionale di animali. La cosa più tragica è stata la dichiarazione della donna: lo faceva solo per attirare l’attenzione!

Fortunatamente Florence è stato salvato e ora vive in una famiglia che lo curerà e gli vorrà molto bene. la donna è stata condannata ed è in attesa di processo. Difficile commentare un atto del genere!

Fonte

loading...

Lascia un commento