Nessuno lo voleva e quei pochi che avevano provato ad adottarlo l’avevano riportato indietro dicendo che non obbediva. Era anziano quindi sarebbe morto in canile ma i volontari lo portarono dal veterinario che scoprì il motivo del suo comportamento. Il povero Solovino non obbediva perché

Solo è un cane che ha vissuto sulle strade di Los Angeles per tutta la sua vita. Quando aveva 11 anni, era ormai troppo vecchio e malato per scorrazzare per strada con gli altri cani, così si accucciò nel cortile di una donna e decise di rimanere lì fino a che qualcuno non fosse venuto ad aiutarlo.

La donna notò subito il cane, anziano e spaventato, tutto solo e con lo sguardo smarrito… e decise di chiamarlo Solovino, che in spagnolo significa “è venuto da solo”.

Il cane rimase nel cortile per qualche giorno, fino a che la donna non contattò l’associazione Rocket Dog Rescue per provare ad aiutarlo.

Lo staff lo portò a San Francisco, dove venne dato in affido a svariate famiglie per circa un anno e mezzo. Venne anche adottato più volte, ma ogni volta veniva riportato indietro.

Nessuno capiva come mai il povero cane non riusciva a trovare una casa adatta a lui, fino a che Carol Messina non si imbatté in una sua foto sul web.

La donna si innamorò di Solo a prima vista: quando lesse il suo nome, inoltre, capì che chi lo aveva battezzato così doveva essere un grande fan di Star Wars e lei stessa aveva un gatto con un nome tratto dal medesimo film.

Quando Carol portò a casa sua il cane, era terrorizzato e molto timido: aveva vissuto da randagio tutta la vita e non si fidava delle persone, né era sicuro che la donna sarebbe stata la sua mamma umana definitiva.

La sua coda era sempre tra le zampe, non reagiva agli stimoli da altri animali e tentennava ogni volta che qualcuno provava ad accarezzarlo… inoltre, il suo udito e i suoi denti erano in pessime condizioni: era per questo che nessuno lo voleva! Carol lo sottopose a un piccolo intervento e la sua salute andò migliorando. Guardate com’è cambiato ora!

Fonte: ilmiocanebau

loading...

Lascia un commento